PISTOIASETTE

Le pagelle del PlayGround

  • RUBRICHE
  • 10:14, 17/03/22
  • di Alberto Maria Cambuli

I giudizi sconvolti della sconfitta di Pistoia contro Cantù tornano attraverso Super Mario, Gianluca Vacchi e Shaquille O'Neal. La rubrica più scorretta torna in grande spolvero, nonostante l'esito della sfida

Saccaggi 5: Avete presente il videogioco che ha fatto la storia della Nintendo? Si, 'Super Mario Bros'! Ecco, il Sacca con i suoi baffi si è travestito per una stagione in Super Mario. Stasera il play biancorosso ci ha ricordato unicamente la parte cattiva del piccolo idraulico con la tuta rossoblu. Wario Saccaggi

Utomi 4: Da un paio di partite il sergente Daniel è in grande difficoltà. Mai incisivo nelle scelte e nelle giocate per un prospetto del suo calibro. Se la scorsa settimana ha ricordato Schettino, oggi la fine del sergente è come il Titanic. Salvate il soldato Utomi

Riismaa 7: Perché ci prova. Perché a 20 anni non si arrende di fronte a niente a nessuno. Perché nei momenti di magra è quello che accende la luce. Perché può ancora crescere in alcune situazioni. Perché quel ghiaccio negli occhi dopo una tripla ci dà sicurezza a tutti. Perché è ancora l'unico che ci fa urlare 'wow'. Perché è l'unico che riesce a far dire ai 'piacevoli' telecronisti canturini frasi come 'forte questo ragazzino estone' e non prese in giro come 'Utom'. Hi guys! I'm Iceman.

Wheatle 6,5: Anche Carl si vede che è in un periodo di alti e bassi. Ma il cuore di non arrendersi mai, bene o male, lo portano ad essere, nove volte su dieci, tra i migliori a tabellino per punteggio. Non male se si considera i rari colpi da tre e la statistiche alla Shaquille O'Neal ai liberi. Carltin'a fool

Magro 6+: Un'altra buona prestazione del gigante buono biancorosso che si distingue nella lotta proibita sotto canestro dove, alla fin fine, segna più dei lunghi canturini. Qualcosina in meno perché da uno della sua esperienza ci si aspetta qualcosa di più quando si ha la possibilità di essere una chiave della partita. Per ora l'unica chiave è quella rimasta dentro casa alle 4 di mattina dopo una serata con Gianluca Vacchi. Daniele quasi 'Enjoy'

Del Chiaro 6,5: Ottima prestazione di Angelo che si dimostra più sicuro nella giocata e nella gestione sotto canestro. Anche per lui un voto considerando il percorso di crescita di un ragazza per cui c'è da porsi la domanda: "Ma ad agosto cosa mi aspettavo da Del Chiaro?". La risposta la dà sempre e per sempre il gigante con la 16 biancorossa sulle spalle. The Answer 

Della Rosa 5: I telecronisti canturini scherzano sulla sua stazza con frasi tipo 'scavalcato dal pallone'. Però tutti zitti quanto il capitano biancorosso l'ha inzuppata da tre come noi con l'impepata di cozze ad agosto in Puglia. Solo goduria. Ah dimenticavo. Per il resto alto mare, anche stasera. Tante croci, una delizia 

Davis 6: Qualcosa fa. Non di certo quello che ci si aspetta da un giocatore che occupa la casella USA, ma qualcosa fa. Le sue partite infatti ci ricordano Scanagatta, giornalista italiano, all'Australian Open con Djokovic quando gli elenca il Palmarès. Come la frase eh, non il Palmarès. Not Too Bad Gage

Brienza 6: Torna dal Covid, quindi strappa la sufficienza in extremis. Purtroppo la sua Pistoia non ha messo davvero in difficoltà Soldini e i suoi. C'è da dire che la sua squadra sta pagando un po' di stanchezza, una leadership da ritrovare, con il calo di Utomi e Saccaggi su tutti, e un addio di Johnson che, per una squadra 'corta' come Pistoia, lascia ancora l'amaro in bocca per quello che sarebbe potuto essere ma non è stato. Il coach alla fine è riuscito a migliorare l'incubo Chieti, nonostante tutto. PS: comunque Brienza ragazzi è Allegri. Perde uno perde l'altro. Non c'è verso, si vogliono troppo bene. Allegri è una bimba di Brienza

Foto di repertorio di Elena Meoni





Alberto Maria Cambuli
Alberto Maria Cambuli

SPONSOR

In evidenza

Le pagelle del PlayGround
Le pagelle del PlayGround
Le pagelle del PlayGround