PISTOIASETTE

"Nel segno della comunità" nata ieri la Virtus Montale

  • SPORT
  • 16:04, 14/07/22
  • di Gianmarco Cherubini


Montale - Una nuova stella risplende nel firmamento del calcio pistoiese: è nata ufficialmente la Virtus Montale, società che vedremo partecipare nella prossima stagione alla Prima Categoria. Nella serata di ieri è andato in scena il primo atto, che segnerà l'inizio dell'avventura per questo nuovo giovane club: la presentazione, avvenuta nel chiostro della Parrocchia di S. Giovanni Evangelista, dell'organigramma e soprattutto del progetto. Una neonata società la cui volontà è piuttosto chiara: non c'è solo l'obiettivo di rappresentare Montale nel panorama calcistico in qualità di prima squadra del paese; si vuole anche rappresentare la propria comunità cercando di puntare su ragazzi montalesi sia per la prima squadra che per la scuola calcio.

Tutti montalesi sono infatti i fondatori della Virtus; molti di loro provengono dalla dirigenza della vecchia Antares Montale, la società che nel 2020 si è unita al sodalizio Montale Pol. 90 di Angelo Perriello - colui che da pochi mesi ha acquisito la proprietà dell'Aglianese. Un anno e mezzo dopo, in aperta polemica con la proprietà, gli ex-Antares hanno lasciato il club azzurro (assieme peraltro al 90% dei calciatori della prima squadra) ed hanno iniziato a dare vita insieme a questo nuovo progetto: "Questa società nasce dalla voglia di fare un calcio diverso da quello visto negli ultimi due anni, volevamo ripartire facendo qualcosa di diverso e così abbiamo cercato e trovato persone che ci dessero una mano. Siamo intenzionati a fare tutto ciò che si può fare di bene per Montale"; sostiene il primo presidente della storia della Virtus Montale Walter Goretti. "Quello che accomuna questo gruppo è lo spirito e l'entusiasmo che ci ha animato in questa avventura - afferma il vicepresidente Sandro Nincheri - ripartiamo con i nostri principi e valori dalle basi, quindi da una prima squadra che partirà da settembre e sopratutto da una scuola calcio che comprenderà anche l'attività femminile. Ci presentiamo cercando di essere umili e, dato che siamo un gruppo aperto e non chiuso, accettiamo aiuti da chi condivide con noi ambizione e voglia di impegnarsi per il proprio paese".
Come sottolineato varie volte dal presidente Goretti, dal vicepresidente Nincheri e dalla segretaria Gianna Risaliti, il problema più importante che la nuova società dovrà risolvere è quello del campo di gioco, un luogo che per la Virtus deve tornare ad essere un punto di aggregazione per tutta la comunità montalese. La squadra giocherà infatti le sue partite al 'Paolo Perugi' (lo storico campo 'Parrocchiale'), grazie alla gentile concessione di don Paolo Firindelli, il quale aveva bisogno di trovare un aiuto nel rimettere a posto un impianto che è stato lasciato in condizioni di totale abbandono dalla precedente proprietà: "Accanto ad ogni chiesa c'è un campanile ed accanto ad un campanile c'è quasi sempre un campo sportivo - spiega don Paolo - questo perchè lo sport è essenziale nell'educazione di tutti i ragazzi e nello stare insieme gareggiando e seguendo delle regole. Benvenuta sia questa nuova realtà, a cui auguro lunga vita, buon lavoro e di restare ancorata nel tempo ai propri buoni principi". La prima squadra eredita il titolo sportivo del Querceto e parteciperà alla prossima Prima Categoria, ma ci sarà anche l'attività giovanile con la scuola calcio per i più piccoli, che avrà grande importanza all'interno del progetto e che sarà affiliata all'Academy del Torino; da qui deriva il caratteristico colore sociale blugrana, che accomuna il blu di Montale ed il granata del Torino: "Il nostro progetto si basa in tre punti - annuncia Alessandro Dambrosio, responsabile della scuola calcio Virtus Montale - il primo è l'hub di comunità, ovvero la squadra deve essere quella del paese come giocatori e come dirigenti; il secondo step è la formazione educativa, non solo dal punto di vista calcistico, dei nostri tecnici; il terzo step è l'ottenimento del risultato sportivo non agonistico. Speriamo in futuro di poter creare un settore giovanile competitivo". Adesso il prossimo passo per il nuovo club sarà la presentazione ufficiale della rosa che si vedrà ai nastri di partenza del campionato di Prima Categoria, cosa che dovrebbe avere luogo intorno ai primi di agosto; intanto però con la calda serata di ieri la grande avventura della Virtus Montale è già iniziata. 

Gianmarco Cherubini
Gianmarco Cherubini

SPONSOR

In evidenza