PISTOIASETTE

Pistoia domina la Fortitudo nonostante un finale quasi fatale. I biancorossi tuttavia escono dalla Supercoppa (65-56)

  • SPORT
  • 22:36, 17/09/22
  • di Alberto Maria Cambuli

GTG Pistoia-Fortitudo Bologna: 65-56

Parziali (14-9; 15-16; 20-12; 16-19)

La porta a casa Pistoia! Una partita in cui fanno tutto i ragazzi di Brienza, dal creare al disfare tutto. La Fortitudo non sembra scendere mai in campo, dimostrando ben poco di fronte al pubblico del PalaCarrara. I biancorossi invece hanno saputo prima crearsi un vantaggio moderato, poi allungato dopo un perfetto terzo quarto, infine rimesso in discussione dopo un po’ di sufficienza soprattutto in attacco. Per la Giorgio Tesi da sottolineare una prova più che discreta sia di Varnado (16 punti) che di un immenso capitan Della Rosa (15 punti), vero fattore nel secondo tempo di questa sera.

Altro che polveri bagnate! Al PalaCarrara l’avvio della partita è un autentico deserto di canestri, dove ci si fronteggia senza mai muovere la retina per ben 3 minuti di partita. Ci pensa Varnado a sbloccare le segnature dalla misera lunetta dei liberi, per un calcistico 1-0 sul tabellone. Detto fatto! Pollone difende da veterano su Fantinelli, facendo poi lanciare il solito Varnado in contropiede che ruggisce in schiacciata sotto la curva Pistoia in delirio. Anche la Fortitudo si toglie un po’ di polvere di dosso grazie ai liberi di Aradori, tuttavia Varnado delizia la vista dei presenti con un bel pallone a Wheatle, bravo a farsi spazio in area, per il punteggio di 8-2 in favore dei biancorossi. Pistoia si arena un po’ su sé stessa con tanti tiri da lontano e Bologna cerca di approfittarne grazie ad una tripla di Panni dal lato sinistro. Un contropiede di Cucci chiude i primi dieci minuti della partita sul 14-9 in favore della Giorgio Tesi, rea di aver lasciato qualcosa per strada in attacco, soprattutto nelle battute finali del quarto.

Soffre e non poco la squadra di Brienza a rimbalzo in questo inizio di secondo tempino, dove la differenza fisica inizia a farsi decisamente sentire di fronte allo strapotere degli ospiti. Pan per focaccia. Così rispondo i padroni di casa, cercando e trovando prima Del Chiaro e poi Magro che fanno il 18-13 alla metà della seconda frazione. Sfida nella sfida invece dalla linea lontana: solo retina per Italiano, stesso discorso per Pollone. La partita si sporca tantissimo, tornando sul livello delle prime battute della sfida con poche retine pulite, tanti fischi e poco spettacolo. Sempre il solito e indiscusso Jordon Varnado rompe questa monotonia grazie ad un arresto e tiro in appoggio dalla media: 27-23 al PalaCarrara. Varnado chiude i canestri del primo tempo grazie ad un terzo tempo in contropiede guidato magistralmente dal 23 statunitense. 29-25 a referto dopo 20 minuti di grande sostanza per i ragazzi di Brienza che, nonostante le grandi assenze, sono riusciti a rimanere dentro la partita grazie ad un’ottima difesa e un Varnado trascinatore con ben 9 punti sul tabellino.

Si torna in campo. Il filo riprende da dove è stato lasciato con Varnado che continua a comandare indiscusso la manovra offensiva biancorossa sia nei canestri che negli assist. L’ultimo un delizioso battuto a terra per Allinei, perfetto ad appoggiare il 35-27 dopo 3 minuti di partita. L’esperienza di Aradori tenta di trascinare gli emiliani, frenati subito da una bomba perfetta di capitan Della Rosa dall’angolino sinistro. +9 Giorgio Tesi. Asse Della Rosa-Del Chiaro più che rodato: il folletto biancorosso trova una delizia per il gigante in maglia 16 che non deve far altro che appoggiare un’altra ciliegia per Pistoia. Sagra della bomba al PalaCarrara! Wheatle e Allinei mandano in delirio la Baraonda con due siluri fantastici, allungando ancora il gap a tabellone per il 46-32 biancorosso. Gli ospiti provano a rientrare in tutti i modi ma vengono messi in grande difficoltà dalla scelta di coach Brienza di schierare il quintetto dei lunghissimi con Wheatle, Del Chiaro e Magro sul parquet. Sirena che suona forte al termine dei 30 minuti sul punteggio di 49-37 a tabellone dopo una frazione decisamente solida per i biancorossi sia in attacco che in difesa.

Quarto quarto iniziato! Italiano chiama e Polloone risponde dopo appena 2 minuti di gara. Capitan Della Rosa show in via Fermi! Il folletto di Brienza prima ubriaca la difesa della Fortitudo in penetrazione, poi serve con un lob stupendo l’amico Angelo, cinico ad insaccare in area, infine piazza una bomba magnifica dal lato destro che esalta il tifo pistoiese sugli spalti. Pistoia comanda prepotentemente la gara sul 59-42. Bologna non demorde assolutamente la presa. Cucci guida la rimontina ospite con due canestri di grande esperienza nel pitturato, facendo siglare un parziale tutto emiliano di 8-0. Rischia tantissimo la Giorgio Tesi, lasciando molte seconde palle agli avversari nel momento clou della gara. Ci deve pensare l’esperienza di capitan Della Rosa, intelligente nel prendere uno sfondamento, per rimettere la sfera nelle mani dei toscani, comunque avanti sul +9. Aradori fa venire i brividi a Brienza, ma Varnado rimette subito tranquillità a Pistoia con un canestro a dir poco difficile: 61-52 al PalaCarrara. La chiusura della gara è tutta di un illuminante capitan Della Rosa. La bomba del play di casa è un macigno sulla sfida che ora si vede ben indirizzata nelle tasche di Brienza. 65-56 dopo il gong che sancisce il risultato finale della partita.

GTG Pistoia: Della Rosa (k)* 15, Lurini ne, Cemmi, Del Chiaro 6, Magro* 4, Allinei 6, Pollone* 8, Varnado* 16, Wheatle* 9. All. Brienza

Fortitudo Bologna: Biordi 1, Thorton* 4, Aradori* 17, Barbante, Panni 3, Paci*, Fantinelli (k)* 5, Niang ne, Italiano 9, Cucci 14, Davis* 3. All. Dalmonte

Foto di repertorio

Alberto Maria Cambuli
Alberto Maria Cambuli

SPONSOR

In evidenza

Pistoia domina la Fortitudo nonostante un finale quasi fatale. I biancorossi tuttavia escono dalla Supercoppa (65-56)
Pistoia domina la Fortitudo nonostante un finale quasi fatale. I biancorossi tuttavia escono dalla Supercoppa (65-56)
Pistoia domina la Fortitudo nonostante un finale quasi fatale. I biancorossi tuttavia escono dalla Supercoppa (65-56)