PISTOIASETTE

"Sogno che la Pistoiese torni dove merita, sono innamorato di questa piazza"

  • SPORT
  • 14:17, 11/09/21
  • di Lorenzo Vannucci

Mister Sassarini presenta la gara di domani, quando la squadra farà visita al Pontedera





Carico e diretto: mister Sassarini, nella giornata di oggi, ha presentato la sfida che gli arancioni dovranno affrontare domani: avversario il Pontedera, una squadra dalle molteplici frecce in attacco, una squadra a cui piace variare il proprio gioco: basti pensare che nelle prime due giornate di campionato il Pontedera è andata a segno con tre differenti marcatori. Pontedera che, in casa, ha un impianto dotato di erba sintetica, aspetto questo non secondario visto che, per molti ragazzi a disposizione di Mister Sassarini, sarà una prima volta. A proposito di disponibili e non: Gennari e Sabotic non potranno essere della partita, come non lo sarà Minardi, alle prese con uno stiramento che lo vedrà ai box per una decina di giorni. "Saranno comunque tutti convocati" ha spiegato l'allenatore, a dimostrazione del fatto che il gruppo c'è, è unito e lotta insieme. "Siamo tutti - ha spiegato Sassarini - sullo stesso piano a livello di condizione fisica. A livello di disponibilità siamo leggermente più corti. Dobbiamo cercare di allungare quei trentacinque minuti del primo tempo che abbiamo fatto vedere l'ultima volta e portarli a novanta minuti. Abbiamo visto che, se riusciamo a fare le cose che prepariamo in settimana, possiamo dare fastidio. Una mischia, una seconda palla, un rimbalzo saranno fondamentali. Dobbiamo esser bravi a non dare al Pontedera l'occasione di farci male. Tutto ciò è dovuto sia al sintetico ma anche al loro modo di giocare, per cui cercano di arrivare velocemente alle punte per dar sfogo alla loro manovra. Domenica i subentranti non hanno potuto dare il loro contributo ma dobbiamo proprio fare quello, riuscire a dare un contributo dalla panchina". Sassarini si è poi soffermato sulla condizione generale della rosa arancione e degli avversari che sono stati affrontati fino a questo momento: "Le squadre avversarie sono pronte, certo. Però noi vogliamo pensare al primo tempo della scorsa settimana: certo che il Pontedera, il Grosseto e l'Olbia sono squadre organizzate, ma dobbiamo fare il nostro gioco ed esser bravi a portarla fino in fondo. Questa sfida (allenare la Pistoiese ndr) me la sono trovata bella tosta, ma stiamo lavorando veramente tanto, stiamo riprendendo tutti gli allenamenti per colmare pezzettino per pezzettino ciò che deve essere sistemato, giocatore per giocatore: stiamo cercando di organizzarci. Certo che mi piacciono le sfide, poi io sono innamorato di questa piazza. La Pistoiese deve tornare ad essere quella che è stata una volta, il mio sogno è questo. Pezzettino per pezzettino bisogna provarci. Non posso parlare dei singoli, ma sia gli anziani che i giovani stanno lavorando bene. Non c'è stato un giorno in cui abbiamo sbagliato l'allenamento. Domenica, dopo il vantaggio, abbiamo iniziato a pensare che per noi i tre punti erano importanti. Abbiamo voluto iniziare a gestire il cronometro. Certo, devi esser bravo a soffrire, ma anche a ripartire. Dovevamo continuare a proporre la nostra idea di calcio, questo è stato da una parte fisiologico, ma dall'altra anche sbagliato"            
Lorenzo Vannucci
Lorenzo Vannucci

SPONSOR

In evidenza