PISTOIASETTE

La Herons rinasce come l’araba fenice passeggiando su Agliana (75-52)

  • SPORT
  • 09:00, 21/03/22
  • di Alberto Maria Cambuli

MTVB Hderons-Endiasfalti Agliana: 75-52

Parziali (16-7; 27-19; 20-18; 12-8)

La Herons è chiamata alla vittoria dopo la recente delusione nel derby di Montecatini contro i cugini della Gema. Al PalaTerme arriva per la venticinquesima giornata l’Endiasfalti Agliana che occupa la tredicesima posizione della C Gold Toscana. Barsotti può essere soddisfatto di aver già messo in sordina uno tra il primo e il secondo miglior piazzamento della stagione regolare, ma scavalcare Gema sarebbe importantissimo non tanto in orbita playoff dove entrambe le formazioni giocherebbero al PalaTerme, quanto per lo spirito e il morale che ne deriverebbero dal raggiungimento del primo piazzamento in classifica.

Barsotti si presenta con l’inedito quintetto Carpanzano, Giancarli, Dell’Uomo, Casoni, Obiekwe; Mannelli risponde con Bruno, Nieri, Zita, Tommei, Nesi.

Parte il match! Dell’Uomo subito dentro l’area per due volte spacca il muro della Endiasfalti senza troppi problemi. Nieri sblocca Agliana grazie ad un terzo tempo in mezzo a tre maglie termali. Obiekwe appoggia in reverse su assist di Carpanzano, ispirato in questo avvio. Dell’Uomo non si ferma più e infila in arresto e tiro l’8-3 in favore dei rossoblù. Gli aironi lasciano qualcosa agli ospiti ma Obiekwe rimanda lontano i tentativi di Agliana grazie ad un gancio cielo sublime per l’ala termale. La Herons continua a tenere stretti i ranghi in difesa, seppur ci sia qualcosa da sistemare in attacco dove, al di là di qualche sporadico spunto dei singoli, manca ancora un’organizzazione corale. Finisce il primo tempino con i padroni di casa che conducono 16-7.

Via al secondo quarto. Obiekwe time al PalaTerme dove il giocatore di Barsotti si distingue per alcuni recuperi e canestri importanti entrando subito in doppia cifra sul tabellino. La Herons prova la prima fuga di serata grazie ad un missile terra aria di Paunovic che fa registrare il massimo vantaggio ardeide sul +13. È Laffitte ad illuminare, è Incitti a mettere nero su bianco: assist del play, tripla della guardia per il 29-19. Viceversa Paunovic serve Laffitte ma la sostanza rimane la stessa con gli aironi che stanno iniziando a dominare largamente il match sul +17. Ancora l’elfo termale s’incunea in mezzo alle maglie dei neroverdi e segna un’altra perla per far sorridere Barsotti.

Intervallo lungo. La Herons conduce 43-26 al termine dei primi 20 minuti di gioco senza storia alcuna. Barsotti può essere soddisfatto della prova dei suoi giocatori che hanno dimostrato di aver archiviato l’incubo Gema e si sono rimessi a martellare contro un’Agliana che è troppo poco per la formazione termale, nonostante qualche acuto dei singoli.

Si torna in campo. Casoni fa subito la voce grossa dai tre punti al termine di un’azione strepitosa dei ragazzi di coach Barsotti. Zita si alza dalla distanza due volte a fila per ridare una flebile speranza alla Endiasfalti. Dell’Uomo poi torna ad insegnare il suo arresto e tiro in quel del PalaTerme per il 52-34 in favore di Barsotti e i suoi ragazzi. Gli aironi continuano a dare spettacolo e divertirsi in questa fase della gara, grazie alla qualità sopraffina delle giocate di Casoni, Paunovic e Laffitte su tutti. Ed eccola lì la tripla del folletto rossoblù Laffitte che si posiziona nello spigolino destro del parquet ed insacca il +22 Herons, ormai fuggiti via. 63-44 tra Herons e Agliana al termine dei primi 30 minuti di gioco.

Via all’ultimo tempino al PalaTerme! Obiekwe dai tre punti manda in delirio i tifosi rossoblù sugli spalti. Tanti errori adesso in questa gara dove prevale la stanchezza ed un risultato ormai in sordina per Barsotti e i suoi giocatori. Il solito arresto e tiro e un appoggio di un Dell’Uomo imbufalito mettono in ginocchio le pochissime speranze dei neroverdi. Anche Galli si iscrive alla festa tutta termale con un appoggio con fallo che sblocca il suo tabellino personale quando manca pochissimo al termine.

Finisce qui al PalaTerme di Montecatini! La Herons affossa Agliana 75-52 in un match senza storia. Un ventello per tornare a vincere non è un brutto messaggio per Barsotti che può essere soddisfatto della reazione non scontata dei suoi ragazzi contro un roster comunque esperto come quello di Mannelli. MVP un grande Dell’Uomo che ha saputo iniziare a marcare la partita come nel derby termale e poi chiuderla, per così dire, con canestri di pregio, oltre alla solita solidità mastodontica in zona difensiva. Mercoledì sera c’è il turno infrasettimanale a Livorno contro l’ultima della classe, Don Bosco, per continuare la marcia con la solita Gema, per un salto che è sempre più di proprietà termale.

MTVB Herons: Giancarli, Dell’Uomo 14, Obiekwe 14, Paunovic 14, Casoni 7, Laffitte 12, Carpanzano 2, Incitti 9, Galli 3, Lupi, Lepori. All. Barsotti

Endiasfalti Agliana: Nieri 12, Zita 14, Nesi 1, Chiti, Razzoli, Natalini, Tuci 6, Bruno 8, Covino, Tommei 11. All. Mannelli

Arbitri: Uldank, Salvo

Foto di repertorio di Elena Meoni

Alberto Maria Cambuli
Alberto Maria Cambuli

SPONSOR

In evidenza

La Herons rinasce come l’araba fenice passeggiando su Agliana (75-52)
La Herons rinasce come l’araba fenice passeggiando su Agliana (75-52)
La Herons rinasce come l’araba fenice passeggiando su Agliana (75-52)