PISTOIASETTE

Nasce il sentiero delle stazioni: un connubio tra passi e binari immersi nella montagna pistoiese

216, questo è il numero del nuovo ‘sentiero delle stazioni’, un nome non casuale dato che questo percorso collega Piteccio, Castagno, San Mommè, si unisce al sentiero 00 e scende poi verso Pracchia. È così che i binari della Porrettana si intrecciano con tale cammino percorribile a piedi e alla portata di tutti, esperti e non, dato che “è possibile prendere sia il treno, sia l’autobus in diversi punti - ha illustrato Michel Bruni, Castanea - inoltre i numerosi accessi consentono di spezzare il percorso, la cui lunghezza totale è di circa 9 km, per un tempo di percorrenza stimato di circa 4h 30'”. Ed è proprio di questo nuovo sentiero CAI che si è parlato stamattina presso la Biblioteca San Giorgio, nel corso di una conferenza stampa; il tracciato in questione è dotato della necessaria cartellonistica e interessa l’alta valle dell’Ombrone, il versante pistoiese della ferrovia porrettana. 

Questo percorso immerso nella natura permetterà di camminare ammirando paesaggi mozzafiato ed esplorando una ricca vegetazione, di indubbio interesse botanico: “dall’olivo e dalla vigna tipiche del mediterraneo - ha proseguito Bruni - al castagno e ai boschi misti, salendo poi verso il faggio. Ma anche la fauna è notevole, un’incredibile biodiversità testimoniata dalla presenza del geotritone, un anfibio unico, della martora, un piccolo mustelide simile alla faina, ma anche del lupo”. Esemplari, questi, mostrati nel corso della conferenza attraverso alcuni scatti realizzati proprio dallo stesso Bruni. Ma perché creare un altro sentiero se già esisteva il 212? “Perché questo salta punti di interesse belli e meritevoli di essere ammirati - ha spiegato - ma anche perché sono subentrate nuove esigenze grazie al lavoro di promozione territoriale: ad esempio Castagno ha iniziato ad essere una località conosciuta, da qui il bisogno di adeguare la rete sentieristica ad una nuova frequentazione. Dunque non si parla più solo di didattica ambientale, già iniziata nel 2015”. Un altro aspetto valutato per il progetto è stato “il rapporto con la rete sentieristica esistente: da San Mommè è infatti possibile attaccarsi allo 00 e andare verso Pontepetri, una bella apertura”. Un nuovo sentiero che mira dunque anche e soprattutto a rendere più fruibile un territorio dalle infinite potenzialità e dall’indubbia bellezza; un progetto che ha alla base uno studio attento ed un esame profondo per indagarne la fattibilità.

Castagno era già percorso da sentieri CAI e, prima di questa novità, la rete sentieristica si presentava nel seguente aspetto: “la Rete Escursionistica Toscana, con il sentiero 212, il 210 detto ‘del merlo’, lo 00 che è il principe dei sentieri e che divide la valle del Reno da quella dell’Ombrone - ha illustrato Bruni - ma tendono a salire di altitudine senza visitare i luoghi caratteristici. Inoltre vi sono tantissimi altri tracciati, anche di interesse storico, molti segnalati come porrettana trekking; quest’ultimo è un marchio territoriale che segnala i percorsi più importanti attraverso una cartellonistica, ma mancano i requisiti che invece ha la segnaletica ufficiale CAI. Presenti anche MTB, tracciati mountain-bike non percorribili a piedi”. Poi nel 2018 è nata l’idea del progetto Trifoglio: “la ProLoco di Castagno ha commissionato a Castanea un progetto di cartografia digitale - ha proseguito - abbiamo mappato i tracciati, in modo da renderli fruibili dal telefonino”. Ogni percorso è indagabile e, con un click sulle icone colorate, è possibile avere informazioni sul tracciato e apprezzare anche molte foto storiche da confrontare con la realtà attuale: una mappa interattiva a tutti gli effetti. “Abbiamo preso contatto con la Provincia di Pistoia - ha proseguito Bruni - che ci ha consigliato di contattare il CAI regionale, ma il Covid non ci ha permesso di concretizzare il tutto. Nel 2021 abbiamo iniziato le interlocuzioni con il CAI di Pistoia e nel marzo 2022 abbiamo iniziato a tracciare i primi segni”. Appuntamento a domenica 26 giugno, data in cui si terrà la prima escursione inaugurativa del nuovo sentiero, con partenza alle ore 9:00 da Pistoia. 

Chiara Capecchi
Chiara Capecchi

SPONSOR

In evidenza

Nasce il sentiero delle stazioni: un connubio tra passi e binari immersi nella montagna pistoiese
Nasce il sentiero delle stazioni: un connubio tra passi e binari immersi nella montagna pistoiese
Nasce il sentiero delle stazioni: un connubio tra passi e binari immersi nella montagna pistoiese