PISTOIASETTE

Al via la rassegna musicale “L’Antidoto”: Ti racconto Don Giovanni

Spettacolo dedicato al capolavoro di Mozart

Pistoia - “Spazi Aperti”, il cartellone estivo dell’Associazione Teatrale Pistoiese, prosegue con l’avvio della rassegna musicale “L’Antidoto”, curata da Daniele Giorgi e nata alcuni anni fa per volere della Fondazione Vivarelli con il sostegno di Fondazione Caript e in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica.

Nell’anno del centenario della nascita del celebre scultore pistoiese Jorio Vivarelli, L’Antidotoamplia gli spazi della sua programmazione, caratterizzata come sempre dalla presenza di musicisti ed ensemble di alto profilo con programmi dal taglio originale proposti in luoghi di rara suggestione e bellezza: a 2 appuntamenti nella storica sede del parco di Villa Stonorov,in cui sono conservate molte opere di grandi dimensioni in bronzo di Jorio Vivarelli, si affiancheranno infatti altri 2 concerti nel Giardino di Palazzo Fabroni, vero e proprio ‘giardino d’autore’ contemporaneo e parte costitutiva del Museo del Novecento e del Contemporaneo di Pistoia.

L’apertura è per domenica 26 giugno (ore 21.15, Villa Stonorov) con uno dei capolavori di Wolfgang Amadeus Mozart, un ensemble di dieci musicisti, la vicenda, le musiche, i sentimenti di un’opera simbolo della storia della musica. In Ti racconto Don Giovanni,spettacolo a cavallo tra musica classica e teatro, tra approccio serio e dissacrante, tra emozione e divertimento, il virtuosismo dell’attore e regista fiorentino Alessandro Riccio e imusicisti dell’Ensemble di Archi e Fiati dell’ORT (Virginia Ceri violino,Susanna Pasquariello violino, Sabrina Giuliani viola, Augusto Gasbarri violoncello, Amerigo Bernardi contrabbasso, Viola Brambilla flauto, Alessio Galiazzo oboe, Emilio Checchini clarinetto, Umberto Codecà fagotto e Elia Venturini corno) daranno vita ad alcune fra le più belle arie del “dramma giocoso” di Mozart, in un susseguirsi di momenti divertenti ed emozionanti (adattamento per dieci strumenti di Francesco Oliveto). Non una messa in scena. Ma una vera e propria affabulazione. Alessandro Riccio si trasforma nei personaggi del melodramma mozartiano, vestendosi e truccandosi in scena, mutando voce, corpo, personalità, svelandone allusioni e sottintesi. I musicisti dell’Orchestra della Toscana eseguono alcune fra le più belle arie del “dramma giocoso” di Mozart, in un susseguirsi di momenti divertenti ed emozionanti. Un modo originale di rivivere, approfondire e diffondere un classico della musica di tutti i tempi, per un pubblico sempre più esigente e per avvicinare al mondo dell’opera, curiosi e appassionati.


Alessandro Riccio

Attore e regista fiorentino. Fondatore della casa di produzione “TEDAVI ‘98” per la quale lavora come regista ed insegnante di teatro. Attore presso lo Stabile del Veneto con il quale affronta la tournée dello spettacolo L’ispettore generaledi Gogol. La sua passione per la storia lo porta a interpretare personalità storiche rileggendole spesso in chiave comica e irriverente (Lorenzo il Magnifico, Galileo Galilei, Gianni Schicchi, Stefano Bardini, Cesare Lombroso, Luigi del Buono e la sua capacità di trasformismo lo porta a camuffarsi nei personaggi più disparati. Ideatore de “Il Mese Mediceo”, rassegna di teatro e cultura sulla famiglia de’ Medici, ha portato il pubblico a scoprire luoghi e personaggi dimenticati della grande dinastia fiorentina. Collabora con La7 alla produzione di documentari per “Atlantide”. Di successo il sodalizio con l’Orchestra della Toscana, con cui ha ideato tre spettacoli a cavallo tra musica classica e teatro, tra approccio serio e dissacrante, tra emozione e divertimento: I Fiati all’Opera, Ti racconto Don Giovannie, in ultimo, Gli Anni Verdi.

Orchestra della Toscana

Fondata a Firenze nel 1980, per iniziativa della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Firenze, l’Orchestra della Toscana è considerata una tra le migliori orchestre in Italia. Composta da 40 musicisti ha sede al Teatro Verdi di Firenze, dove presenta la propria stagione di concerti che distribuisce in Toscana. In aggiunta ai concerti in forma orchestrale, l’ORT è presente sul territorio regionale anche con agili formazioni cameristiche grazie alla duttilità nell’affrontare i repertori più diversi, insieme al costante impegno nel valorizzare il lavoro d’insieme, offrendo in questo modo un’articolata proposta musicale. La sua storia artistica è segnata dalla presenza e dalla collaborazione con musicisti illustri come Luciano Berio, Salvatore Accardo, Martha Argerich, Rudolf Barshai, Yuri Bashmet, Frans Brüggen, Myung-Whun Chung, Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding, Eliahu Inbal, Yo-Yo Ma e Uto Ughi. È interprete duttile di un ampio repertorio, che spazia dal barocco al classico romantico, al Novecento storico, alla musica contemporanea. I suoi concerti sono trasmessi su RadioRai Tre e su Rete Toscana Classica; incide per Emi, Ricordi, Agorà, VDM Records, Sony Classical, Warner Music Italia e NovAntiqua Records. Il Direttore Artistico è Daniele Rustioni.


I PROSSIMI APPUNTAMENTI DE “L’ANTIDOTO”

__________________________________________________________________

I prossimi appuntamenti vedranno ilviaggio nella storia del grande e piccolo schermo, con una prospettiva nuova e insolita sulle più celebri colonne sonore di musical, cinema e serie tv proposto in Sax on screen(giovedì 7 luglio, ore 21.15, Villa Stonorov), dal timbro unico del Quartetto Cherubini (Simone Brusonisax soprano, Adele Odorisax contralto, Leonardo Cionisax tenore, Ruben Marzàsax baritono); il Giardino di Palazzo Fabroni ospita lunedì 18 luglio(ore 21.15) Düsseldorf, Bilker Str. 15: BRINDISI A CASA SCHUMANN!,una serata che celebra l’amore profondo tra Robert Schumanne la sua amata Clara Wieckcon ilTrio Vox (Clarice Curradi violino,Augusto Gasbarrivioloncello, Irene Novi pianoforte) e le letture di Massimiliano Barbini. Al termine un piccolo rinfrescoper brindare proprio come in una delle serate di musica da camera tra amici, a casa Schumann.

Infine, giovedì 15 settembre (ore 21.15, Giardino di Palazzo Fabroni) “L’Antidoto” celebra il centenario della nascita di Jorio VivarelliconI Virtuosi Italiani, storico ensemble con oltre 30 anni di attività guidato dal primo violino Alberto Martini. Un percorso tra culture, musiche e tradizioni attraverso l’Europa, assieme ad uninterprete d’eccezione, il clarinettista Alessandro Carbonare: Si comincia con il più famoso dei compositori russi, Pëtr Il'ič Čajkovskij,e il suo contemporaneoIvan Samarin, all’epoca famoso attore nonché insegnante di recitazione al Conservatorio di Mosca, a cui è dedicato il brano di apertura del concerto; a seguire un’effervescente pagina cameristica di Carl Maria von Weber, nella versione per clarinetto solista e orchestra d’archi e, spostandosi in area britannica, pagine di Holst e la celebre Simple Symphonydi Britten.


Biglietti: 5 euro (per i concerti del 26.06, 07.07 e 18.07);

redazione

SPONSOR

In evidenza

Al via la rassegna musicale “L’Antidoto”: Ti racconto Don Giovanni
Al via la rassegna musicale “L’Antidoto”: Ti racconto Don Giovanni
Al via la rassegna musicale “L’Antidoto”: Ti racconto Don Giovanni