PISTOIASETTE

Un'opera su Liliana Cavani arricchisce il programma di 'Presente Italiano'


Si è tenuta nella giornata di ieri, presso la libreria Lo Spazio, in via Curtatone e Montanara, la presentazione del libro ‘Liliana Cavani, il cinema e i film” edito da Marsilio, un evento che si inserisce all’interno del Festival 'Presente Italiano' dedicato alla cinematografia, curato da Michele Galardini. Ad intervenire in qualità di ospite è stato Pedro Armocida, uno dei due curatori del volume.

"Sono stati tanti - ha spiegato Armocida - gli studi che sono stati realizzati in questo settore, a livello internazionale ma anche focalizzandosi su questioni riguardanti il nostro Paese. Negli ultimi anni abbiamo raccontato il cinema italiano in modo trasversale, focalizzando la nostra attenzione su come sia cambiato il cinema e su come le donne abbiano sempre più acquisito un proprio ruolo. Sappiamo che la percentuali delle donne che riescono a fare film è molto bassa, per cui non ci sono tantissime registi donne che possano essere analizzate in maniera diffusa. Liliana Cavani mi sembrava una regista giusta.  Il volume segue un modello abbastanza preciso che negli anni si è sviluppato. Abbiamo scelto di mettere a luce una produzione cinematografica con la domanda, sotto traccia, di capire come lo stesso cinema si sia mantenuto e sviluppato nel tempo".

"Abbiamo interpellato - ha proseguito Armocida - un pastore protestante, una esperta di psicanalisi, una nota esponente della danza, questo per riuscire a rispondere alla domanda di fondo: come questi aspetti sono presenti nella produzione di questa autrice? Liliana Cavani ha come aspetto problematico la sua notorietà nazionale e internazionale, visto che alcune sue opere sono sempre più in espansione per ciò che riguarda la loro notorietà e l'apprezzamento della critica. Lei è stata una pioniera di tutto: lo è stata quando si è iscritta nei corsi di cinematografia, quando ha vinto un concorso per lavorare nella seconda rete Rai. Lei è subito riuscita in ciò che voleva. Quando le hanno proposto di fare 'Francesco' non voleva nemmeno farlo, poiché lo considerava come un personaggio lontano. Il suo metodo di racconto è oltremodo attento ai fatti e alle fonti per rendere il tutto il più veritiero possibile".

Lorenzo Vannucci
Lorenzo Vannucci

SPONSOR

In evidenza

Un'opera su Liliana Cavani arricchisce il programma di 'Presente Italiano'
Un'opera su Liliana Cavani arricchisce il programma di 'Presente Italiano'
Un'opera su Liliana Cavani arricchisce il programma di 'Presente Italiano'